YEMEN 2012

Divulgazione dell’impegno della Missione Archeologica Italiana

in Yemen, Convegno ed Esposizione Museale

Nell’ambito del Progetto Yemen 2012, finanziato dal Ministero degli Affari Esteri, Direzione Generale Affari Politici e Sicurezza (DGAP), e volto a onorare i rapporti tra Italia e Yemen, l’11 e 12 giugno 2012 si è tenuta una Conferenza internazionale sulla Attività della Missione Archeologica Italiana nella Repubblica dello Yemen, 1980-2010, presso il Ministero degli Esteri e il Museo Nazionale d’Arte Orientale di Roma (scarica da rassegna stampa e il resoconto della conferenza). La Conferenza è stata inaugurata dai rappresentanti istituzionali e accademici dei due Paesi. In questa occasione è stato commemorato il prof. Alessandro de Maigret, che ha fondato e diretto per oltre 30 anni la Missione Archeologica Italiana in Yemen. Per le sue ricerche e scoperte, riconosciute a livello internazionale di primaria importanza per la comprensione della storia e della cultura antica dello Yemen, il Ministro yemenita della Cultura, S.E. Abdullah Aubal Mandhouq Saleh, gli ha assegnato il massimo riconoscimento per la ricerca scientifica, consegnato alla moglie dott.ssa Sabina Antonini, in nome del Presidente della Repubblica, S.E. Abd Rabbo Mansur Hadi.

Nell’Ambito dello stesso Progetto, con il sostegno e la collaborazione del Ministero degli Esteri italiano, dell’Ambasciata della Repubblica dello Yemen in Italia, della Missione Archeologica Italiana in Yemen e di Monumenta Orientalia, presso il Museo Nazionale d’Arte Orientale a Roma, dal 10 ottobre 2012 al 13 febbraio 2013, è stata esposta la mostra Il Trono della Regina di Saba – Cultura e diplomazia tra Italia e Yemen (locandina mostra). Cultura e diplomazia tra Italia e Yemen.

Per la prima volta sono stati esposti in Italia oltre 150 manufatti artistici e archeologici, tra cui la statuaria antica, opere in bronzo, rilievi e iscrizioni in pietra della collezione del Museo e manoscritti il periodo islamico della Biblioteca dell’Accademia Nazionale dei Lincei e Corsiniana. La mostra è stata organizzata in tre sezioni: “Documenti”, “Da Ṣanʿāʾ a Roma” e “Il trono della Regina di Saba”, che hanno delineato un profilo storico e socio-culturale dello Yemen. Inoltre, la mostra ha ripercorso le relazioni di lunga data tra l’Italia e lo Yemen, risalenti alla fine del 1800, mettendo in evidenza il fatto che l’Italia fu il primo Paese europeo a stabilire relazioni diplomatiche formali con Ṣanʿāʾ, grazie al Trattato di Amicizia e di Relazioni Economiche, firmato il 2 settembre 1926 (rassegna stampa).